Menu

I fotografi

La mostra REFLECTIVE LANDSCAPE nasce da un’idea di voler lasciare una traccia visiva dell’opera di alcuni produttori nel paesaggio veneto in occasione di EXPO 2015. Si è pensato di coinvolgere solo otto fotografi per un motivo ben preciso: lo spazio in cui viene presentata la mostra. Il colonnato del chiostro del Seminario Patriarcale ha ventotto intercolunni. Lasciando liberi quattro intercolunni per permetter al visitatore di muoversi liberamente, rimanevano solo ventiquattro spazi dove poter presentare otto trittici fotografici. Da qui la proposta ad otto fotografi che abbiamo selezionato in base al loro sguardo fotografico. Sono stati scelti fotografi ritrattisti, di paesaggio e persino street photographers aperti a contaminazioni di linguaggi visivi contemporanei. Le aziende e i produttori da fotografare sono quasi sempre stati assegnati su indicazione di Confagricoltura. L’unico vincolo imposto dai curatori è il ritratto “et in due modi”, veduta frontale e non frontale del soggetto. Qui di seguito le biografie dei fotografi da noi scelti:
 

    

FATIMA ABBADI
Nata ad Abu Dhabi nel 1978. Ritrattista e street photographer è una fotografa free lance Italo-Giordana Palestinese. Fa parte del gruppo Mignon dal 2008. Oltre alla grande passione per l'immagine fotografica, si occupa di studi sull'origine della storia della fotografia in Medio Oriente. Ha curato diversi libri fotografici tra cui Orientalismi Paralleli. Ha all’attivo diverse esposizioni personali/collettive in Italia e all'estero. Si ricorda il successo nel 2014 della sua recente mostra presso il Centro Culturale Candiani di Mestre. Selezionata per questo progetto per la sua originale capacità di produrre una fotografia priva di pregiudizi culturali e connotazioni stereotipate.

  FRANCESCO BARASCIUTTI
Nasce a Venezia nel 1969. Figlio d’arte e fotografo professionista dal 1987, si dedica al ritratto, allo still-life e al reportage. I suoi lavori sono stati esposti alla 46° Biennale di Venezia del 1995 ed alla 54° Biennale di Venezia del 2011. Nel 1998 vince il premio Kodak European Portrait Gold Award come migliore fotografo ritrattista d'Italia. Collabora con diverse riviste internazionali. Ha insegnato Ritratto Fotografico presso la Fachhochschule di Münster ed è stato docente di Fotografia presso la "Scuola Internazionale di Grafica" di Venezia. Sue fotografie sono conservate presso il National Portrait Gallery di Londra e nel Fondo Italo Zannier della Fondazione di Venezia. Selezionato per la nota capacità di eseguire ritratti ad alto livello e di forte impatto emotivo.
 
  STEFANO BUSATO
Nasce nel 1967. Ha fatto il fotografo professionista per venticinque anni e ha sempre mantenuto viva la passione per la fotografia di paesaggio in bianco e nero con l’utilizzo del banco ottico e della camera oscura, una passione artistica e tecnica che lo avvicina al sistema zonale secondo il metodo di Ansel Adams. Ha insegnato fotografia e camera oscura in vari corsi. Nel 2014 ho abbandonato la fotografia commerciale per intraprendere la professione di stampatore digitale industriale di grande formato, dove ha seguito diversi artisti e curatori di mostre fotografiche. Selezionato per il suo importante ausilio all’interno della mostra Reflective Landscape, ma soprattutto scelto per la sua leggendaria, e poco conosciuta, cultura visiva fotografica del paesaggio italiano e americano.
 
  FERDINANDO FASOLO
Nasce nel 1960 e inizia a fotografare nel 1986. L’interesse per la multivisione lo porta a costituire insieme a Francesco Lopergolo Il Parallelo Multivisioni. Questa esperienza lo vede impegnato nell’organizzazione di vari eventi e concorsi nei quali riceve numerosi premi e riconoscimenti. Nel 1999 entra a far parte in maniera molto attiva del gruppo Mignon e conosce due persone che saranno fondamentali per la sua evoluzione fotografica: Giovanni Umicini e Walter Rosenblum. Riceve numerosi premi e riconoscimenti in Italia e all’estero. Si ricorda tra questi nel 2007 il primo premio per la fotografia al 27° Festival de l’Image Projetée di Chelles. Nel 2009 è documentarista fotografo di Follow the women, un’organizzazione femminile internazionale per la pace che in 20 giorni attraversa in bicicletta i territori in Medio Oriente colpiti da conflitti e miseria. Sue fotografie sono presenti in importanti collezioni pubbliche e private. Selezionato per il suo talento straordinario nell’elevare immagini dalle geometrie ben composte in fotografie che hanno una forte connotazione sentimentale.
 
  ARIANNA NOVAGA
Nasce a Forlì. Ha studiato architettura presso lo IUAV di Venezia e negli anni ha partecipato a diversi workshop e corsi con grandi maestri come Mario Cresci, Giovanni Chiaramonte, Guido Guidi, Franco Vaccari, Luca Campigotto, ecc. E’ attualmente docente del Laboratorio di Fotografia e Comunicazione visiva presso lo IUSVE di Mestre e Verona. E’ inoltre iscritta all’ultimo anno della Scuola Dottorale Interateneo in Storia delle Arti dell’Università Cà Foscari, IUAV e Università di Verona. Ha partecipato a numerose mostre in Italia e all’estero, ha pubblicato fotografie e testi su riviste di settore. E’ inoltre membro di giuria in diversi concorsi di fotografia ed è Direttrice artistica di Hodgepodge©imagezine. Vive e lavora a Venezia. Selezionata per il suo stile autentico e diretto che rivela la teatralità della scena.
 
  GIAMPAOLO ROMAGNOSI
Nato nel 1966 a Piove di Sacco (PD). Ideatore e fondatore del gruppo Mignon, fotografo, stampatore, docente ed esperto di editoria fotografica. La sua immensa passione per la fotografia si è trasformata in un’attenta e certosina voglia di conoscere tutti gli aspetti che riguardano la produzione fotografica, in particolare i rapporti tra immagine e testo. L’interesse per la veste editoriale e pubblicista della fotografia lo rendono un importante bibliofilo di fotolibri. Ha curato numerosi libri fotografici propri, del gruppo Mignon e di altri fotografi. Da anni si occupa di ricerche sul territorio veneto sia da un punto di vista paesaggistico che di restituzione visiva urbana attraverso il mezzo fotografico. Si ricorda il volume Re-Visioning Venice 1893-2013 dove il fotografo si è confrontato con la lettura ottocentesca di Ferdinando Ongania. Selezionato per il valore informativo del suo lavoro; scelto per il suo raro interesse culturale nei confronti della storiografia fotografica dalle origini al contemporaneo.
 
  MORENO ROCCO SEGAFREDO
Nato ad Avigliana (TO) nel 1958. Vive a Padova da diversi anni ed è fotografo professionista dal 1981. Fino al 2001 si occupa prevalentemente di fotografia tecnico/scientifica. Dal 2002 è fotografo free-lance e opera nel campo della fotografia di documentazione d’arte per case editrici e amministrazioni pubbliche. Dagli inizi degli anni Ottanta documenta architetture e manufatti storici nel territorio e nel paesaggio urbano. Affianca all’attività fotografica quella dell’insegnamento della storia e della tecnica della fotografia presso diverse associazioni culturali, scuole e aziende. Selezionato per la sua riconosciuta competenza nel campo del ritratto e della documentazione del paesaggio.
 
  ANGELO TASSITANO
Nato a Venezia nel 1967, sperimenta la fotografia in bianco e nero dalla ripresa alla stampa finale in camera oscura, cercando di dare espressione all’emozione degli “incontri” possibili nella quotidianità e interrogandosi sull’origine delle proprie radici. Amico e allievo di Walter Rosenblum e di Giovanni Umicini, grandi interpreti della fotografia sociale, ha esposto in mostre personali e partecipato a rassegne internazionali, pubblicando alcuni libri con il gruppo Mignon del quale è stato membro per diversi anni. Le sue immagini sono presenti in collezioni pubbliche e private. Selezionato per l’intimità dello sguardo che molto spesso le sue immagini sprigionano.
 

 

Webmail

Inserire username e password:

DI.SCI.TE.

Inserire il numero di matricola e password: